Ultima modifica: 21 febbraio 2018

Be yourself

“Mi sentivo addosso gli sguardi degli altri. Vedevo i loro sorrisetti quando mi guardavano. Un corridoio ci separava dalla classe: il mio percorso da combattente. Schivare i colpi, i calci, gli sputi. Chiudere le orecchie per non sentire gli insulti e le prese in giro . Trattenere le lacrime. Ancora e ancora. Durante questi minuti infiniti”

Il diario di Émilie è pieno di frasi di questo genere. Aveva 17 anni quando si è tolta la vita. Era vittima di bullismo,il quale causa spesso problemi di ansia,insonnia,stress,spinge all’isolamento e alla depressione. Questo fenomeno è molto diffuso nelle scuole,in età adolescenziale ma dai ragazzi di quest’età spesso è percepito come un fatto normale e non come la violazione dei diritti che invece è.Esistono vari tipi di bullismo,dal cyberbullismo a quello omofobico. Quest’ultimo è caratterizzato da un gruppo di persone che maltratta coloro che sono di orientamento omosessuale o ritenuti tali. Secondo Amnesty International,un’organizzazione che tutela i diritti umani, il primo passo per prevenire il bullismo nelle scuole è tenere sotto controllo le dinamiche di gruppo. È poi necessario creare luoghi sicuri e sportelli d’ascolto per i ragazzi e inoltre organizzare campagne di sensibilizzazione. Con alcune scuole italiane ne è stata avviata una che prevede il progetto “Be yourself”,in cui si ha l’intenzione di lavorare sul corpo come portatore di immagini visive attraverso laboratori di danza e fotografia. In base alle considerazioni degli studenti è stato appurato che questi metodi sono efficaci.L’importante è capire che non si diventa migliore deridendo gli altri e chi cerca di farti sentire inferiore in realtà ha un grande bisogno di te.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a navigare su questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie del tuo browser o clicchi su "Accetta" nel messaggio popup, dichiari di esserne consapevole e permetti il loro utilizzo. I termini di utilizzo dei cookie sono regolati dall'Informativa sulla Privacy in accordo con le relative leggi vigenti. Per questo motivi alcuni contenuti sono bloccati come previsto nel D.lgs. 196/2003. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione: Informativa estesa sui cookies

Chiudi